Islanda: dove dormire

Islanda dove dormire durante il proprio viaggio

Dove dormire in Islanda è forse una delle cose più difficili da organizzare quando si pianifica un viaggio in questa stupenda isola, soprattutto se il viaggio in questione è fatto in estate.

Le strutture ricettive infatti sono davvero poche rispetto alla mole di turisti che negli ultimi anni si sta riversando sull’isola, e il riuscire a muoversi per tempo nelle prenotazioni permette di avere più possibilità di scelta con prezzi non esageratamente alti.

Per il viaggio in Islanda  che abbiamo fatto a fine giugno 2016, noi abbiamo prenotato tutte le strutture a febbraio, e già in alcune zone abbiamo avuto difficoltà a trovare dove dormire.

In questo articolo voglio segnalarvi i posti dove abbiamo dormito noi, in modo da darvi un parere e una valutazione per aiutarvi magari nella scelta dei vostri alloggi.

Ovviamente se il vostro viaggio prevederà la tenda, il discorso non vale, perché con la tenda avrete flessibilità e disponibilità di campeggi senza la necessità di prenotare nulla, ma se vorrete un tetto e un posto al calduccio, vi conviene giocare molto d’anticipo!

Le nostre tappe sono state queste:


Aeroporto di Keflavik – Motel Alex – VOTO 6.5

Islanda dove dormire

il Motel Alex

Atterràti quasi alle 2 di notte all’aeroporto di Keflavik, e dovendo aspettare i nostri amici Gianpaolo e Tanya che sarebbero arrivati il mattino dopo con un volo dalla Svezia, il Motel Alex si è rivelato la soluzione migliore vicino all’aeroporto: ci sono venuti a prendere e ci hanno riportato in aeroporto gratuitamente la mattina dopo con una comoda navetta.

Camera matrimoniale, piccola ma pulita, con bagno in comune (pulitissimo e di fianco alla nostra stanza) a 91€ totali, colazione e wifi inclusi (wi-fi poco funzionante – hanno detto che stavano avendo dei problemi quel giorno).

Ricordo positivo: atterrare alle 2 di notte locali (quindi alle 5 italiane…) ed essere già sotto le coperte del letto 15 minuti dopo è un valore aggiunto! Colazione inclusa discreta.

Ricordo negativo: la camera era attaccata alla reception, quindi un po’ rumorosa perché si sente l’andirivieni delle persone. Se capiterete qui, chiedete una camera tranquilla lontana dalla Reception.

!!!AGGIORNAMENTO: sembrerebbe che l’Alex Motel abbia chiuso definitivamente!!!


Sellfoss – Thoristun Apartment – VOTO 9

Sellfoss è una cittadina strategica alla fine del Golden Circle che si trova sulla Ring 1, posizione perfetta per terminare la giornata dopo la Golden Ring e proseguire poi col giro dell’isola.

Noi abbiamo trovato su Booking il Thoristun Apartment, appartamento bellissimo e super nuovo, con ben 3 camere da letto, una sala, una cucina e anche il BBQ fuori, che abbiamo prontamente usato per la cena ovviamente, con somma gioia di Fulvio!

Abbiamo speso in totale 175€ in 4 persone, e consiglio a tutti questo appartamento: davvero nuovo, pulito, Wifi funzionante, in una posizione strategica e anche molto suggestiva sul fiume.

Inoltre la sera, dopo aver fatto un buonissimo BBQ, grazie ai consigli della proprietaria, siamo andati al famoso fiume caldo di Reykjadalur, nel paese di Hveragerði che si trova a neanche 10 minuti di macchina dall’appartamento. Quindi consigliatissimo!!!

Ricordo positivo: casa nuovissima e bellissima, BBQ, wifi funzionante, supermercato vicinissimo ideale per fare scorte di cibo per la vacanza.

Ricordo negativo: non ne ho neanche uno!

islanda dove dormire

Sellfoss – Thouristun Apartment


Vik – Guesthouse Reynir – VOTO 7,5

Islanda dove dormire

Vik – Guesthouse Reynir – la nostra camera

Vik è uno dei pochissimi paesini della costa sud dove potersi fermare per dormire, per via della sua posizione strategica. Per questo motivo, trovare da dormire a Vik, e per di più in strutture non troppo care, è stato molto difficile, ma alla fine ce l’abbiamo fatta.

Abbiamo prenotato alla Guesthouse Reynir direttamente tramite il loro sito: a prima occhiata arrivati, non dà il meglio di se, trattandosi di un grosso container di lamiere con dentro delle camere.

Abbiamo speso 110€ per una camera con 2 lettini singoli e bagno in comune. All’interno della struttura c’è una cucina dove si può cucinare (non bellissima, ma con tutto l’occorrente). Il Wifi funziona solo nelle zone comuni, non in camera (ma eravamo l’ultima camera in fondo al corridoio, quindi può essere che nelle altre camere funzionasse).

La posizione comunque è davvero ottima, sulla strada che in 2 minuti d’auto porta alla spiaggia nera di Vik, e proprio davanti al mare, con una vista stupenda. Certo, 110€ per dormire in un container può sembrare un po’ tanto, ma era il posto più economico trovato in zona, fidatevi!

Ricordo positivo: le docce sono in stanze con delle vetrate enormi che danno sul mare, fantastico! Inoltre la proprietaria sferruzza in maniera davvero amorevole la lana islandese, ed è possibile comprare maglioni, cappelli e guanti fatti da lei, stupendo!

Ricordo negativo: quella notte tirava un vento fortissimo e fischiava tutto, ho dovuto mettere i tappi per dormire!


Höfn – Sólbær Guesthouse – VOTO 4

islanda dove dormire

Höfn – Sólbær Guesthouse – la nostra camera minuscola

Ad Hofn abbiamo avuto enormi difficoltà a trovare da dormire tutti e 4 nella stessa struttura…. Forse perché in quella serata in cui c’eravamo noi si svolgeva il famosissimo festival dell’aragosta di Hofn! Quindi ci siamo divisi in due Guesthouse diverse.

Io e Fulvio abbiamo alloggiato alla Guesthouse Solbaer, spendendo 140€ per una cameretta minuscola con due lettini e colazione. La casa in sé è davvero bella, con una sala e cucina molto charming e un bagno al piano di sopra con anche l’idromassaggio, ma la camera dove eravamo noi era davvero minuscola (non ci stavano neanche le valige, giuro!) e affacciata sulla sala, quindi anche qui si sentiva tutto il via vai delle persone…. È stato il luogo dove abbiamo speso di più in assoluto per dormire in tutta la vacanza, e con una camera cosi minuscola non mi sento di darle la sufficienza… quindi se potete cercate altro, o chiedete una camera al piano di sopra (camere di dimensioni normali e non per lillipuziani) e non quella a piano terra!

Ricordo positivo: la vasca del bagno al primo piano, e la bellezza della sala.

Ricordo negativo: la camera… era davvero  minuscola e non ci stavano neanche le valige!


Egilsstadir – Midgardur Apartments – VOTO 6

Ad Egilsstadir ci siamo fermata semplicemente per via della sua posizione lungo il nostro itinerario, perché comoda come sosta per la tappa successiva.

Qui abbiamo preso su Booking un appartamento senza infamia e senza lode, molto anni ’70, con 3 camere da letto, a 190 € totali in 4. Non vi metto neanche il link perchè era talmente anonimo e poco degno di nota che non voglio suggerirvelo, ma se siete disperati e non trovate altro, l’appartamento si chiamava Midgardur Apartments.


Husavik – Retrobottega di un negozio di lane – VOTO 7,5

Husavik è stato, insieme al Lago Myvatn, il posto con la difficoltà più grande nel trovare da dormire.

Cittadina piccolissima affacciata sul mare artico, ha avuto un boom di turisti per via delle escursioni che partono da qui per l’avvistamento delle balene .

Dopo enormi ricerche su internet, telefonate, mail per cercare un posto dove dormire, siamo riusciti a trovare non so come il contatto di una signora che…. affittava il retrobottega del suo negozio di lana!

E’ stata un’esperienza al margine del surreale, ma è stata una cosa buffa che sicuramente ricorderò con un sorriso: davanti negozio pieno di gomitoli e ferri, dietro una tenda invece un cucinino, una sala con divano letto e una camera! Abbiamo speso 84€ a coppia, con compreso wifi. Qui paradossalmente è stato l’unico posto in cui abbiamo anche usato la lavatrice! Chi l’avrebbe mai detto! Purtroppo non ho fatto foto del posto 🙁

Volete anche voi provare l’ebrezza di dormire nel retrobottega di un negozio di lana? O semplicemente siete disperati come  noi perché non trovate nulla per dormire? Nel caso scrivetemi e vi giro la mail della signora del negozio!

Ricordo positivo: l’ebrezza del dormire in un negozio pieno di gomitoli di lana! E la lavatrice, usata subito!

Ricordo negativo: l’ansia prima dell’arrivo che effettivamente esistesse un negozio con dei letti dentro!


Lago Myvath – Fattoria in mezzo al nulla – VOTO 8,5

Anche il Lago Myvath ci ha messi a dura prova per la ricerca di un alloggio, perché era tutto pieno ovunque, pur cercando da dormire a febbraio per inizio luglio!

Alla fine abbiamo prenotato su Airbnb due camere in una fattoria in mezzo al nulla, alla “modica” cifra di 217€ in totale in 4, colazione inclusa. Era a circa 30 minuti di auto dal lago Myvath, ma non c’era nulla a prezzo abbordabile più vicino.

Il ricordo di questo luogo ha avuto nel mio cuore una lenta e profonda mutazione: devo ammettere che il posto in se faceva davvero schifo: famiglia con 6 figli + cani gatti e vari animali, la casa era davvero sporca e la camera da letto abbastanza inquietante (era la camera delle bambine). Materassi per terra ovunque, anche nei corridoi, e bagno non certo al meglio dell’igiene e della pulizia…

Ma la mattina, prima della partenza, la bella chiacchierata che abbiamo fatto con il proprietario ha poi lentamente fatto propendere per un voto super positivo: siamo stati a parlare con lui per quasi un’ora, e ci ha spiegato la vita di un allevatore di pecore, ci ha raccontato con orgoglio del suo allevamento e di come a Natale tra amici si scambiano come regali provette di sperma del montone Grobotnj, il Rocco Siffredi dei montoni, famosissimo in Islanda.

Insomma, ci ha fatto scoprire un lato dell’Islanda fatto non solo di natura, ma di usanze, credenze e costumi.

Quindi alla fine ora se ripenso, dopo oltre un anno, a questa esperienza nella fattoria, non ricordo più la sporcizia o i materassi per terra schifosi, ma la bella chiacchierata con lui, e per questo consiglio questa fattoria a tutti!

Ricordo positivo: la chiacchierata con il proprietario sugli usi e costumi locali! L

Ricordo negativo: la poca pulizia della casa.


Ólafsfjörður – Brimnes Bungalows  – VOTO 10 e LODE

Questa tappa è stata l’unica tappa di tutto il viaggio in Islanda dettata dal posto dove dormire e non dal luogo da visitare: siamo incappati per caso su booking sulla pagina di questi Bungalow che si trovano proprio sulle rive di un fiordo del Nord, a circa mezz’ora di auto da Akureyri e abbiamo deciso che dovevamo assolutamente passarci almeno una notte.

E così ci siamo ritrovati a dormire in questi meravigliosi bungalow Brimnes: 230€ totali per un intero chalet di legno con 3 camere da letto, patio con vasca jacuzzi, BBQ a ridosso del fiordo.

Credo di non essere mai stata in un luogo cosi magico e affascinante.

Abbiamo passato un pomeriggio a bere vino nella vasca sul patio, e poi abbiamo fatto un fantastico BBQ. Insomma, promosso addirittura con la LODE!

Da non perdere! Ecco il link a Booking

Brimnes Bungalows - guardando i fiordi dalla vasca nel patio

Brimnes Bungalows – guardando i fiordi dalla vasca nel patio

Ricordo positivo: la bellezza del posto, il patio con la vasca e il sorseggiare il vino dentro la vasca!

Ricordo negativo: è un po’ fuorimano rispetto agli itinerari classici, ma ne vale decisamente la pena!


Penisola di Snaefellsnes – Guesthouse Snjofell – VOTO 6,5

Guesthouse Snjofell

Guesthouse Snjofell

Nella  penisola di Snaefellsnes abbiamo deciso di pernottare per comodità ad Arnastapi, per essere vicino all’inizio della camminata che da lì porta ad Hella.

Abbiamo prenotato su booking una stanza quadrupla al costo di 115€ totali. Qui pensavamo erroneamente di avere una cucina a disposizione, cosa che poi non è stata, quindi abbiamo avuto difficoltà la sera per la cena (siamo arrivati tardi ed era già tutto chiuso). Camera comunque pulita, stile ostello, a prezzo contenuto, quindi ha la sufficienza.

Consiglio: parlate a bassa voce, a noi in camera sono venuti a bussare e lamentarsi per il rumore (erano neanche le 10 di sera…. che noiosa sta gente!!!).

Ricordo positivo: prezzo basso, posizione strategica per la passeggiata che da Arnastapi porta ad Hella.

Ricordo negativo: niente cucina da usare e ristorante che chiude alle 20.30/21.


Borgarnes – Borgarnes B&B – VOTO 10

Il Borgarnes B&B è stato scelto per via delle recensioni ottime lette su Tripadvisor, e devo ammettere che erano tutte veritiere! Villa stupenda di fronte al mare, con camere davvero belle e salone con vetrata con panorama mozzafiato. La colazione inoltre è stata davvero faraonica, con una marea di cose da mangiare, dal pesce alla carne, alle torte…. Neanche negli hotel a 5 stelle ho mai visto cosi tanto cibo diverso!

Abbiamo speso 100€ a camera con colazione inclusa, assolutamente da stra-consigliare!

Islanda dove dormire

Borgarnes B&B – la bellissima vista dalla sala da pranzo

Ricordo positivo: tutto: la camera, la vista della sala, la colazione!

Ricordo negativo: nessuno!


Reykjavik – Kex hostel – VOTO 4

Kex Hostel - minuscola camera e compagni disperati

Kex Hostel – minuscola camera e compagni disperati

L’ultima tappa del nostro viaggio è stata a Reykjavik, la capitale islandese, e abbiamo alloggiato al famoso Kex Hostel, annoverato tra i 10 ostelli più belli del mondo.

Me ne assumo le colpe, sono stata io a spingere per questo ostello, nonostante le riluttanze di tutti: 60€ a testa per dormire in una minuscola camera con letti a castello, bagno in comune, e neanche la colazione inclusa…..

Devo ammettere che sono stati soldi buttati: cucine sporchissime, bagni cosi cosi, camera minuscola e da vero ostello…. Non siamo più abituati, soprattutto se poi non sono neanche economiche!

Col senno di poi, era da dormire altrove e venire al Kex eventualmente per una birra (effettivamente l’area comune è molto bella e caratteristica, sebbene molto hipster, troppo, per i miei gusti).

Quindi voto insufficiente! Trovate di meglio!

Ricordo positivo: la sala comune dove bere una birra circondati da Hipster locali, è molto bella.

Ricordo negativo: le stanze tipo carcere, le cucine molto sporche, il prezzo esorbitante per dormire in letti a castello.


Consigli finali che mi sento di darvi, indipendentemente poi da dove dormirete:

  • Cercate sempre stanze in strutture che abbiano una cucina utilizzabile: avere una cucina in cui potersi fare la colazione e la cena è un grande vantaggio, non solo in termini economici ma anche di flessibilità dei tempi: ad esempio nella penisola di Snaefellsnes siamo arrivati la sera oltre le 21, la stanza non aveva la cucina e ci siamo ritrovati a girare in cerca di un posto dove cenare, trovato poi a fatica per via dell’orario (li chiude tutto molto presto..). Avere una cucina a disposizione ti permette anche di arrivare più tardi,e  avere comunque la possibilità di farti una zuppa calda.
  • Non fissatevi nel voler assolutamente una stanza con un bagno privato, soprattutto quando siete in case o B&B: noi avevamo sempre il bagno in comune e vi assicuro che i bagni erano sempre pulitissimi ed in ordine. Non credo di aver mai avuto una stanza con bagno privato, ma vi assicuro che non è un problema perchè i bagni da me trovati sono sempre stati super puliti.
  • Il wifi è presente praticamente ovunque, quindi non preoccupatevi.
  • Se il vostro itinerario è ancora in via di definizione, cercate comunque di prenotare le strutture su Booking il prima possibile (sono quasi sempre a cancellazione gratuita): nel caso poi che decidiate di cambiare itinerario, sarete sempre in tempo per cancellare la prenotazione. Ma almeno avete una soluzione di back up.

 


seguici-su-facebook

TI POTREBBERO ANCHE INTERESSARE QUESTI POST:

ISLANDA INFORMAZIONI UTILI OSTELLI LOW COST CHAMPING

  1. Ciao, sito veramente ben fatto, complimenti, noi fare un tour praticamente copiato dal vostro le prime 2 settimane di agosto, siamo in 2 e abbiamo noleggiato un van / camper con letto e cucina. Volevo capire se hai info in merito al campeggio. Si riesce a trovare posto più facilmente? Dobbiamo prenotare o é possibile fare camping libero? Grazie mille per la risposta.

    • Ciao Luca, grazie mille! per il camping non sono preparatissima, però so che puoi benissimo andare nei campeggi senza prenotazionedirettamente il giorno stesso. Il campeggio libero invece in alcune zone è vietato e in altre vivamente sconsigliato per mantenere l’ecosistema. I campeggi sono super attrezzati ed economici quindi andate direttamente nei campeggi!
      Buon giro!

  2. rossana pensabene says:

    ciao Eleonora,sto cercando di organizzare giro in Islanda ma non riesco a capire se 9 o 10 giorni sono sufficienti….

  3. Ciao!
    Posso chiederti giorno per giorno come hai organizzato le visite?
    Sono abituata a viaggiare ma sto trovando l’organizzazione di un viaggio in islanda davvero difficile
    grazie!

  4. luca di matteo says:

    Noi stiamo iniziando ora a muoverci per gli alloggi per il viaggio di agosto e stiamo trovando davvero difficoltà a prenotare a prezzi umani! siamo preoccupatissimi!
    Eravamo anche noi super convinti di andare anche al Kex Hostel ma leggendo il tuo post ora abbiamo qualche remora, tenendo che costa tantissimo!
    Che facciamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.