Provenza: itinerario di 3 giorni tra la lavanda

Un week end in giro per la Provenza sulle vie della Lavanda.

Provenza - lavanda in fiore

Provenza – lavanda in fiore

Quante volte mi sono sentita dire: vivi a Milano?!?! Che brutto, non ha il mare, non ha nulla da vedere vicino… e via dicendo?

Ebbene, non ci sarà moltissimo da fare e vedere in città, ma di sicuro ti permette di visitare posti magnifici e magici senza dover prendere né aerei né tantomeno settimane di ferie.

E cosi, con un solo giorno di ferie, si può fare un bellissimo giro della Provenza, come abbiamo fatto noi questo week end. Certo, non è proprio dietro l’angolo, ma comunque in 5 ore di macchina ti ritrovi catapultato in un ambiente magico, in paesini pieni di fascino e in distese infinite di lavanda e girasoli.

Il periodo migliore per vedere la lavanda nel massimo del suo splendore è luglio, e noi abbiamo scelto secondo me un week end perfetto, con la lavanda in esplosione in tutti i campi intorno a noi.

Se avete molto più tempo a disposizione, ci sono tantissimi altri paesini da visitare, ma se come noi avete solo 3 giorni a disposizione, ecco un breve post con consigli su cosa visitare.il nostro itinerario in Provenza

Aix en Provence

La città delle mille fontane, solo in cours Mirabeau ce ne sono tre, tra cui una tutta ricoperta di un folto manto di muschio da cui sgorga acqua calda a 34°!

Noi ci siamo fermati in questa cittadina per pranzo, e abbiamo fatto un breve giro per il centro città. Direi che è una tappa da fare, anche se brevemente, per iniziare a immergersi nell’aria tipica provenzale.

Provenza - Aix en Provence

Provenza – Aix en Provence

Isle-sur-la-Sorgue

Questo bellissimo paesino è stata la nostra tappa per dormire. Questa bellissima cittadina è percorsa da diversi canali punteggiati da antiche ruote idrauliche in legno ricoperte di muschio (un tempo erano più di 70).

È uno dei villaggi più affascinanti della zona che trasuda quell’atmosfera che solo la Provenza più autentica riesce a regalare: persiane colorate circondate dall’edera, terrazze sull’acqua dove sonnecchiano i germani reali, i mercatini dell’antiquariato, gli hôtel particuliers, il cielo limpido che si specchia nei canali gorgoglianti, i ristorantini affacciati sull’acqua, quel senso di sonnacchiosa tranquillità. Insomma, un paesino magico, davvero bello, il cui centro storico è circondato da canali e ruote idrauliche bellissime (e funzionanti!).

Se anche voi passerete di qui vi consiglio di cenare dove siamo stati noi, in un ristorante a conduzione familiare e con prodotti a km zero sulla riva di un fiume, un po’ defilato dal centro città ma davvero magico: si chiama Ristorante la Guiguette: di questo posto, oltre all’atmosfera magina con le lucine accese sugli alberi e col fiume che silenzioso scorre li vicino, ricordo un maiale al miele tres maquifique!

Provenza itinerario 3 giorni Isle sur la Sorgue

Provenza – una delle tante pale di Isle sur la Sorgue

Abbazia di Senanque

Questa mèta è stata la più attesa di tutto il nostro viaggio. Chi cercando delle immagini su google sulla Provenza non si è mai imbattuto nella foto di questa fantastica abbazia cistercense avvolta dalla lavanda? Arrivando da una tortuosa stradina che gira intorno alla montagna si apre una vista spettacolare, l’abbazia cistercense immersa e circondata dai campi di lavanda. È uno degli esempi più affascinanti di architettura monastica, fondata nel 1148, che vanta un bellissimo dormitorio, una bella chiesa e un grazioso chiostro (che però non abbiamo visitato). Il posto è davvero magico, nonostante le centinaia di visitatori e pullman turistici che si riversano su questo luogo.

Quindi un consiglio, se potete, fate una levataccia ed alzatevi all’alba, per venire a visitare questo posto in tranquillità e silenzio: noi stupidamente non ci avevamo pensato, ma credo che con il senno di poi, un’altazaccia alle 6 di mattina l’avremmo fatta volentieri, pur di eliminare dalla nostra vista orde di persone armate di macchine fotografiche, cavalletti e ombrellini parasole.

Provenza itinerario 3 giorni abbazia di Senanque

Provenza – abbazia di Senanque

Provenza - abbazia di Senanque ed i tanti, tantissimi fotografi/turisti

Provenza – abbazia di Senanque ed i tanti, tantissimi fotografi/turisti

Gordes

Questo meraviglioso villaggio arroccato su uno sperone di roccia è semplicemente spettacolare. Tornando dall’abbazia, ci si deve assolutamente fermare in un punto panoramico (ben segnalato) per ammirare il paesino da lontano. Dimenticato per anni dal turismo è tornato alla ribalta grazie a un film girato nella sua piazza principale, “un’ottima annata” con Russel Crowe. Le bianche rocce che compongono le case rendono il borgo soggetto agli infiniti cambiamenti dettati dal variare della luce nelle diverse ore della giornata e la sua posizione raccolta e arroccata lo rendono unico e inimitabile.  Se avete un bidget piu elevato del notro (un po’ low cost per questo viaggetto), potete soggiornare in qualche hotel di charme qui intorno, ne abbiamo ammirati alcuni e sono semplicemente fa-vo-lo-si!!!

Provenza itinerario di 3 giorni lavanda gordes

Provenza – Gordes

Roussillon

Classificato fra i più bei villaggi di tutta la Francia, è anche il villaggio dell’ocra per eccellenza. Le case e l’ambiente di Roussillon si confondono grazie alle tante sfumature rossastre e ocra della terra estratta dalle cave vicine. Il risultato è un villaggio dai mille colori, una tavolozza di colori e tonalità calde. In questo paesino è possibile visitare la valle dell’Ocra (a pagamento, 2.5€): si tratta di grandi formazioni rocciose che, modellate dagli agenti atmosferici, danno luogo a pinnacoli e gole dalla forma inconsueta, come la Valle delle Fate e le Falesie dei Giganti.  Il colore del terreno indica la presenza di ossidi di ferro, ma la leggenda racconta un’altra storia, una struggente storia d’amore ambientata sul finire del XII secolo: La leggenda racconta che questa terra divenne rossastra per il sangue versato con il suicidio della bella Sirmonde, sposa di Raymonde d’Avignone. La fanciulla si gettò dall’alto delle falesie per il dolore, dopo che il marito uccise il suo amante, un giovane e aitante trovatore provenzale.

Provenza itinerario 3 giorni valle dell'Ocra - Roussillon

Provenza – La valle dell’Ocra – Roussillon

Valensole

Nel nostro giro di venerdì e sabato, a parte l’abbazia di Senanque, non avevamo visto molti campi di lavanda. Anzi a dire la verità abbastanza pochi. Ci domandavamo quindi se tutte le immagini di distese infinite di lavanda che si vedevano nei calendari e nelle cartoline fossero frutto esclusivamente di post produzioni audaci. Ebbene, vi posso assicurare che questi campi infiniti di lavanda esistono davvero, e sono nella zona di Valensole: basta girare nelle strade intorno a questa cittadina per ritrovarsi immersi in campi di lavanda che si susseguono quasi infiniti, alternandosi solamente con campi di girasole e di grano. Un posto magico, davvero bellissimo, pieno di profumi e api J, in cui perdersi e camminare per ore.

Provenza: itinerario di 3 giorni tra la lavanda

Provenza – distese di lavanda in Valensole

Questo è stato il nostro giro in provenza, breve ma intenso ( quasi 1200 km in totale).

Consigli e considerazioni finali

I consigli che mi sento di darvi? Eccone alcuni:

  • Scegliete il periodo per bene: ci sono siti specializzati che ti informano sulla fioritura della lavanda, andateli a vedere, rompete le scatole agli uffici del turismo locali come ho fatto io in modo da essere sicuri di visitare la provenza con la lavanda in fiore.
  • La lavanda è stupenda, ma dedicate del tempo a visitare i paesini della zona, che meritano altrettanto, non ve ne pentirete
  • A colazione, non rimanete nell’hotel, ma andate in una qualsiasi boulangerie e sfogatevi con croissant e pan au chocolat (mmmmm che buoni!!!!)
  • Ricordatevi che sono francesi, quindi non eccessivamente simpatici e soprattutto monolingua: cioè non parleranno una parola ne di italiano (figurati!) ne di inglese: preparatevi a cercare di farvi capire a gesti 🙂
  • All’andata abbiamo attraversato la liguria e la costa Azzurra. Se avete qualche giorno in più potreste pensare di fermarvi in qualche posto stupendo della costa azzurra per aggiungere anche un paio di giorni di mare. Al ritorno invece siamo passati da sopra, per il Monginevro e per Torino: oltre a vedere cosi un paesaggio diverso e fare una strada nuova, abbiamo evitato tutto il traffico del rientro domenicale dalla costa azzurra e dalla Liguria, tenetene conto anche voi se tornerete a casa di domenica pomeriggio.

Info sul viaggio

Periodo di viaggio: metà luglio 2013 – 3 giorni pieni.

Costo del viaggio: sui 200-250€  a testa, tra viaggio e dormire e mangiare.

 


seguici-su-facebook

TI POTREBBERO ANCHE INTERESSARE QUESTI POST:

parigi insolita

  1. Ciao! Bellissimo il tuo itinerario.. io sto organizzando un addio al nubilato e volevamo visitare la Provenza ma abbiamo solo 2 giorni di tempo! Cosa ci consigli di fare? Sarà a SETTEMBRE. Pensavamo anche di fare degustazioni e magari trovare un posto anche con la SPA per godere di un po’ di relax. Grazie mille per l’aiuto!

    • ciao anna, grazie mille! la provenza sarà bellissima anche a settembre, pur non avendo più la lavanda in fiore. per degustazioni e spa secondo me hai imbarazzo della scelta, mi ricordo che a Roussillon e Gordes e paesini limitrofi ho visto degli Chateaux stupendi dove alloggiare, di sicuro non economici ma davvero magnifici. Non ho soggiornato in nessuno di quelli, ma se guardi in internet li trovi. se hai bisogno posso aiutarti magari nel trovare qualcosa, in caso fammi sapere!
      ciao!

      • Ciao settimana prossima farò il tuo stesso giro per 3 gg, non ho ancora deciso dove alloggiare, tu hai alloggiato solo in un posto?

  2. Antonella says:

    Ciao, dovrei fare le gole del verdon e tutto il giro fino a Valensole con il pullman, lo consigli? Ho visto dalle foto dei tratti a strapiombo e…. sono un po’ fifona!!!

    • Romina says:

      Ciao!
      Le gole del Verdun sono uno dei paesaggi fantastici che la provenza offre.
      Eh si.. entrambe le strade che costeggiano le due rive (destra e sinistra) sono a strapiombo sul canyon
      Ci sono dei punti di osservazione.. alcuni hanno balaustre, altri muretti bassi.. io personalmente soffro di vertigini ma ce l ho fatta!
      Se hai tempo, una volta arrivati alla fine del canyon (lago di st Lacroix, un lago dai colori spettacolari!) ti consiglio di noleggiare un pedalò o una barchetta elettrica. Il pedalo costa 20 eur/ora ma ne vale davvero la pena.. con mezz oretta tranquilla di pedalata, troverai anche una cascata che si getta nel fiume.. davvero suggestivo!

  3. irene bartoli says:

    Volevo sapere se qualcuno conosce un alloggio buono qualità prezzo dove poter soggiornare a valensole o nei dintorni, 2 camere con bagno sarei interessata…. e se possibile colazione, qualcuno ha dei suggerimenti di alcuni posti?
    Grazie!

  4. Emanuela says:

    Bellissimo itinerario complimenti! Anche noi pensavamo di fare più o meno lo stesso percorso avendo come base aix en provence, noleggiando un auto direttamente in aeroporto; voi come vi siete trovati in termini di parcheggi e spese correlate? È fattibile o ci sono prezzi allucinanti per parcheggiare durante le visite? Sto cercando di capire se convenga affidarsi a tour organizzati con pullman o andare da soli! Grazie mille!

    • ciao Emanuela, grazie mille per i complimenti 🙂
      ti consiglio assolutamente di girare con la tua macchina! Cosi sei libera di fermarti ogni volta che vuoi e dove vuoi, soprattutto quando vedrai bellissimi campi di lavanda intorno a te e paesini affascinanti!
      Per i paesini, i parcheggi sono a pagamento ma a prezzi abbordabilissimi e simili a quelli che si trovano in italia, quindi vai tranquilla e spostati in macchina! mentre all’abbazia di senanque e nella zona di valensole puoi parcheggiare liberamente per strada.
      ciao!

  5. ciao Eleonora,
    con due amiche andremo a visitare la provenza nell’ultimo weekend di maggio. 3 notti esattamente come voi.
    dato che già ora la possibilità di scelta sul pernottamento è molto risicata (a causa del fatto che siamo vincolati dal dover necessariamente prendere due stanze), volevo sapere se fosse meglio tenere come base per dormire VAUGINES che più o meno è idealmente nel centro di tutto il giro che faremo, non dissimile dal tuo/vostro tra l’altro, oppure rischiare e tentare di trovare un albergo ad ogni tappa? (con oneri non indifferenti per quel poco che sto vedendo facendo ricerche su booking.com).

    Per il trasporto utilizzeremo macchina di proprietà.

    grazie in anticipo per la risposta.

    • ciao Max! direi che Vaugines è un’ottima base per girare la provenza, perchè al centro di una zona piena di paesini bellissimi da visitare come Gordes e Roussillon!
      Partendo senza prenotare nulla rischi secondo me di avere difficoltà a trovare da dormire in hotel/accomodation economiche (anche se forse fine maggio è comunque meno affollata di fine giugno/inizio luglio che è in piena fioritura della lavanda). Se invece non hai problemi di budget, girando per questi paesini della provenza troverai Ville e Chateau davvero magnifici dove poterti fermare (ma ho paura nei prezzi delle camere!).
      Buon giro della Provenza,
      Eleonora

      • Errata corrige:
        avevo sbagliato ad indicarti il periodo 🙂

        andremo alla fine di giugno proprio per vedere la fioritura della lavanda

        infatti i prezzi che ho trovato sono riferiti al periodo corretto di giugno/luglio.

        grazie per la tua risposta 🙂

  6. ciao,
    vorrei regalarmi per i miei 40 anni, un viaggio in Provenza e a Mont St. Michel, a cavallo di Maggio e giugno.
    Dici che non è un buon periodo per la lavanda in fiore?
    Non ho ancora verificato quanto distano.. ovviamente noleggiando un auto, sul posto.
    L’aeroporto più vicino è Marsiglia o Cannes?oppure c’è qualcosa di più vicino…

    • ciao Diego! la lavanda in provenza inizia a fiorire verso metà-fine giugno, quindi a fine maggio è proprio difficile vederla! Tieni conto poi che Mont st. Michel è in Bretagna, e in auto è davvero lontano. Io fossi in te mi concentrerei sulla zona nord, potresti fare Bretagna e Normandia che sono bellissime , e fine maggio secondo me è il periodo ideale. Cosi la Provenza la lasci per un altro viaggio ad hoc, nel periodo della fioritura della lavanda.
      Che ne dici?
      ciao!

      • hai ragione, non avevo pensato ai tempi di fioritura… avrei un’altra settimana a metà luglio, potrebbe essere periodo più adatto per la lavanda.. che ne dici? vorrei dare priorità a questo, e magari vedere Marsiglia e dintorni.

  7. Apprezzo molto il tuo coraggio nello scrivere che vivere a Milano sia “comodo” per visitare la Provenza. Sarebbe come scrivere “abitare a Roma è comodo per andare a trascorrere il week-end a Genova”.
    Comunque hai dato un consiglio molto giusto: informarsi bene sulla fioritura della lavanda! Tutti credono che sia tutta l’estate lì per essere fotografata.

    Giulia (nata a Genova, vivo ad Antibes -Costa Azzurra- da 3 anni)

    • Ciao Giulia! eheh sono un’inguaribile ottimista, mettiamola così 🙂
      però effettivamente da milano è fattibile visitare in auto la Provenza anche solo per un week end lungo!
      beata te però che vivi ad Antibes, posto bellissimo!

    • sabrina says:

      io vorrei fare un giro in provenza e visitare anche le bellissime spiagge e riserve naturali,
      avendo una ragazza di 14 anni amante della natura sapreste indicarmi il posto più comodo dove alloggiare per poter girare e vedere sia paesini che spiagge? grazie

  8. Martina says:

    Ciao voi vi siete fermati a dormire solo a isle sur la sorgue? io vorrei andare per 4 giorni, quale altro posto mi consigli?
    Ciao grazie
    Martina

    • ciao! noi abbiamo dormito la prima notte a Isle sur la Sorgue e la seconda notte a Apt.
      Girando per i paesini della provenza ho scoperto che a Gordes ad esempio c’erano davvero dei posti meravigliosi dove dormire, un bel po’ sopra il nostro budget di allora, ma davvero magnifici!
      se hai un budget non striminzito come lo era il nostro, ti consiglio di vedere qualche posto a Gordes!
      ciao!

  9. Roberta says:

    Complimenti per il tour veramente bello, speriamo nel 2018 di poterlo copiare 🙂
    Se gentilmente mi sai dire i siti che hai controllato per la fioritura della lavanda così posso verificare il periodo migliore per andare.
    Grazie mille

    • Ciao Roberta! spero davvero che tu possa riuscire ad andarci la prossima estate!
      Il periodo migliore è quello a ridosso o poco prima della festa della Lavanda che fanno a Valensole, che di solito coincide con il periodo di massima fioritura della lavanda ed è intorno a metà luglio. Ti consiglio quindi di verificare sul sito internet del comune di Valensole, http://www.valensole.fr/.
      Se hai bisogno di altro, scrivimi senza problemi!

  10. Giancarlo says:

    Che meraviglia … Ho sempre sognato di andare in Provenza nel periodo in cui fiorisce la lavanda… Per quest’anno ormai è troppo tardi, ma l’anno prossimo non scappa… Grazie Eleonora, il tuo racconto fa venir voglia di rifare tutto il vostro itinerario… Complimenti.

    • Ciao Giancarlo, ma grazie mille per questo commento, fa sempre piacere ricevere commenti del genere! Vedrai che la provenza con la lavanda in fiore ti lascerà a bocca aperta, e se puoi visita anche le Gole del Verdon che noi purtroppo non siamo riusciti a visitare!
      A presto!

  11. buongiorno, ho sempre desiderato fare un viaggio in provenza, adoro la lavanda .. se ci andiamo a metà agosto c’è ancora o è già tagliata?
    grazie

    • Ciao Jenny, la lavanda non credo proprio che ad agosto sarà ancora nei campi, perchè già da metà luglio iniziano a tagliare i campi intorno a Valensole.
      Però il viaggio in Provenza merita comunque tantissimo anche senza lavanda…. anzi, così avrai una scusa per tornarci! 🙂
      Buon viaggio!

  12. Ciao un informazione per vedere la lavanda in questo week end ,che itinerario mi Consiglieresti? Grazie,!

    • Ciao Alex, tenendo conto che è fine giugno, secondo me se giri tutto intorno a Valensole sarai accerchiato dalla lavanda!!!!!
      dovrebbero iniziare a tagliarla a partire dal week end del 14 luglio, quando ci sarà la festa della Lavanda proprio a Valensole con la mietitura!

  13. Tiziana S says:

    Ciao Eleonora, credo che dopo aver letto il tuo racconto farò copia/incolla del percorso che avete fatto voi 🙂
    Riusciresti a mandarmi il nome dei.posti in cui.avete mangiato?
    Grazie

    • ciao Tiziana, sono contenta che il mio post ti saà utile! Vedrai, rimarrai entusiasta dalla Provenza in questo periodo!
      Per mangiare, il posto ch ricordo di più e con molta nostalgia è sicuramente il ristorante “La Guinguette” a Isle sur la Sorgue, dove abbiamo pernottato la prima notte. Questo ristorante, con tutti prodotti a km 0 e bio, si trova qualche km fuori dal paese, sulla riva del fiume, e ha tutte le lucine sugli alberi che lo illuminano e creano un’atmosfera bellissima. Se vai li, devi assolutamente mangiare il maiale al miele di lavanda, era buonissimo!!!!
      Ti lascio il link al ristorante, cosi puoi dare un occhio!
      http://www.restaurant-la-guinguette.fr/
      poi ci tengo a sapere come è andata la vacanza!
      Ciao!
      Eleonora

      • Tiziana says:

        Grazie!!! Che gentile!’:)
        Ho preso nota…
        Andremo il week-end del 9 o del 16 luglio… ma forse quella.del 16 è a rischio “taglio della lavanda” 🙁
        Giusto?

        • domenica 16 luglio a Valensole c’è la festa della lavanda, con anche la mietitura di alcuni campi e la festa in paese. Noi quando andammo in Provenza era proprio quel week end della festa. C’erano alcuni campi gia tagliati ma moltissimi ancora in fiore, e la festa in apese era davvero bella, quindi tranquilla che in entrambi i week end vedrai tantissima lavanda! 🙂

  14. Ciaoo bellissimo racconto! Io vorrei andare quest anno per il ponte del 2 giugno?la lavanda sarà già in fiore?

    • Ciao Emma! la lavanda solitamente nelle varie zone della provenza fiorisce tra metà giugno e fine agosto, quindi per il ponte dle 2 giugno forse non la trovi ancora nella sua esplosione di colori. Però mai dire mai! e se non la troverai in fiore, vorrà dire che avrai un ottimo motivo per ritornarci
      ciao

  15. Nausika says:

    Ciao! Nel fine settimana dal 22 al 25 io, mio marito e la nostra bimba di tre mesi vorremmo fare grossomodo il tour fatto anche da te, considerando però che noi partiremo in auto dall’Abruzzo. Noi avevamo pensato ad Aix en Provence, Isle Sur la sorge, Gordes e Roussillon, Gole del Verdon e Moustiers Sainte Marie e Saint Tropez. Ovvio che tutte queste tappe in pochissimi giorni significherebbe vivere in auto, cosa ci consigli di non perdere? E soprattutto paesi come Gordes e Roussillon sono comodi da visitare con passeggino? Grazie mille!!!

    • Ciao Nausika!!! Guarda secondo me l’itinerario è fattibile, cerca magari di alloggiare in posti abbastanza strategici cosi sei anche piu flessibile per decidere sul momento l’itinerario! avete gia prenotato dove dormire? aix en provence noi la visitammo in un paio di ore, per poi proseguire verso Isle Sur la Sorge. se Dormirete li fammis apere che recupero il nome di un ristorante buonissimo sul fiume con cibo a km 0 buonissimo! Gordes e Roussillon sono stupende ma la valle dell’ocra non credo sia visitabile con il passeggino. Gli altri luoghi purtroppo non li ho visitati, per mancanza di tempo. Però ho sentito da tantissime persone che le gole del Verdon sono stupende!!!

  16. donato della vedova says:

    ciao ,una domanda,volendolo fare in moto c’è il pericolo api,,,,mia moglie è un pò terrorizzata da questo
    cmq ,2 anni
    fa con mio figlio e sempre in moto abbiamo fatto le gole del verdon, sono veramente belle poi in moto è il massimo.
    al prossimo viaggio

    • Ciao Donato! guarda mi ricordo che nei campi di lavanda c’erano davvero tantissime api, ma nessuna dava retta a noi umani, erano tutte concentrate sui fiori di lavanda! 🙂
      In moto deve essere davvero bellissimo andare in provenza e il tuo commento sulle gole del verdon mi convince ancora di piu che dobbiamo tornarci assolutamente!!!!!

  17. francesca says:

    ciao! volevo chiederti dove avete dormito e se per mangiare consigli di portarsi qualcosa da casa o no. grazie!

    • Ciao Francesca, per dormire nell’articolo non ho specificato l’hotel e la casa dove abbiamo dormito noi perche a dire la verità non consiglio nessuno dei due luoghi…. Per il cibo, magari puoi portarti qualcosa da sgranocchiare in auto, ma lì si mangia talmente bene che sarebbe un peccato non approfittarne! io mi ricordo ancora il maiale al miele di lavanda… mamma mia che buono!!! 🙂 e poi i croissaint! ok ora smetto che mi sta venendo fame 🙂

  18. Ciao! a fine giugno faremo grosso modo il vostro itinerario, sperando di vedere la lavanda in fiore! in aggiunta a quello che avete visto voi, ci fermeremo al ritorno anche alle Gole del Verdon, che però ho visto che non avete visitato. Che ne pensi? ciao!

    • ciao Sara! le Gole del Verdon devono essere stupende, avevo visto le foto e avevo cercato in tutti i modi di inserirle anche nel nostro itinerario, ma per motivi di tempo non ci siamo proprio riusciti. Se invece tu riesci, devono essere molto belle! Anzi sarebbe da dedicargli una giornata intera per fare anche canyoning e canoa nelle gole, il posto deve essere davvero magico!
      Fammi sapere poi! ciao!

    • Brutto Ceffo says:

      ciao, se posso intervenire ho un pochino di esperienza con la Provenza, a luglio riandrò con amici che non ci sono stati e sto cercando in rete cose che non ho visto prima. Prendo spunto dal tuo bel diario ed andrò a Isle-sur-la-Sorgue! Fatta questa premessa, volevo dire riguardo il Verdon che secondo me è una tappa imperdibile sia per chi come me ama il trakking che per i turisti più tranquilli, mia figlia di 7 anni mi chiede continuamente di tornare.
      Sul lago di Saint croix (credo sia questo il nome forse scritto male) c’è una spiaggia mi pare chiamata myc plage che è a ridosso delle gole, affittano canoe piccine e pedalò, in pratica di li senza fatica vai in mezzo alle gole tipo gran canyon. bellissimo. Tutta sta pappardella per dire che una volta ho fatto il percorso costa azzurra a salire fino ad Avignone, poi ritorno sulla parte montuosa da Gordes fino a Rougon lasciandomi appunto il Verdon alla fine. Esperienza da non ripetere perché dopo tanti km di auto, anche se distribuiti su 10 giorni, fermarsi nel Verdon tra salite discese spiaggia bagno etc è veramente stancante. Per chi come me arriva dalla liguria è meglio passare prima dal Verdon Valensole etc e poi scendere verso la costa. Infine un mio giudizio personale: Bellissime Gordes, Valensole, Moustiers Sainte Marie, Arles etc ma i paesini sono molto simili senza troppe “attrattive” e dopo un paio di giorni la storia si fa monotona. Consiglio, sempre a mio parere, di alternare per dire le gole del Verdon ad un paesino, le cascate di Sillans ad un altro paesino, la spiaggia di Camargue ad un altro ancora etc., in modo da fare una vacanza mai monotona con mare, paesini e natura

      • ciao!!!! cavolo, grazie mille per i tanti consigli, sono apprezzatissimi!
        ebbene, con il tuo commento mi sono convinta ancora di più a tornare e fare anche le Gole del Verdon, che davvero desideravo vedere ma che ho dovuto eliminare per mancanza di tempo!
        anche a me piacerebbe tornarci tra un mese e magari starci un po di piu, chissa magari ci riesco! se vai e ti va, condividi con noi le foto e i tuoi racconti!
        ciao!

  19. marica says:

    Ciao, secondo te se andiamo in provenza a fine luglio abbiamo speranza di vedere ancora la lavanda in fiore? pensavamo di partire verso il 22 luglio!
    Marica

    • Ciao! a Valensole purtroppo non credo troverai più la lavanda, perche a metà luglio con la festa del paese tagliano tutta la lavanda dei campi, quindi se capiti dopo quel week end rischi di non trovarla piu! però se ti sposti piu a nord rispetto a Valensole dovresti ancora trovarla!

  20. Federica says:

    ma che meraviglia! e che esplosione di colori! La provenza deve essere davvero stupenda!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.