Houston - USA

Houston - USA "Hey Houston, we've had a problem here" James A. Lovell - Apollo 13

George_Bush_Airport_01Ho sempre pensato che il nome di un aeroporto dica tanto di una città.

Pensate a Roma, con l’aeroporto Leonardo da Vinci, Parigi, con il Charles de Gaulle e New York con il JFK, solo per citarne alcuni.

Ebbene, Houston ha scelto di intitolare il proprio aeroporto a George Bush.

Si, avete capito bene, a Bush padre, quel fenomeno della guerra in Iraq, quello che ha il quoziente intellettivo di un pesce rosso (scusa pesce rosso per il paragone :-)).

Quindi, fatta questa premessa, cosa mi dovrei aspettare da questo mio viaggio in Texas?

pacifiche auto in giro per la città…

Appena atterrati, mentre ero in fila per i soliti interminabili controlli della dogana, ho incontrato un tipico cowboy, ma di quelli usciti dal far west di Sergio Leone: aveva addirittura uno sperone sul tacco del suo stivale! meno male che la cinturona con la pistola evidentemente la teneva in valigia! per paura di rimanere impallinata non gli ho fatto una foto, ma credetemi sulla parola, gli mancava solo il cavallo!

Uscita dall’aeroporto, mentre ero in taxi, ecco un’altra “bizzarra” situazione, ci sorpassa sulla destra un’auto con dei rostri enormi su tutte e quattro le ruote, evidentemente si sentiva come su una biga nel film Ben Hur!

Da raccontarvi non ho molto, anche perché le cose da visitare sono pressoché nulle. Se fate una breve ricerca su Google su cosa vedere a Houston, escono solo i centri commerciali!

E cosi, il primo giorno, appena atterrati io e il mio collega siamo andati nel regno dei centri commerciali, il famoso “The Galleria”: carino, ha anche una pista di pattinaggio sul ghiaccio, ma con gli stessi identici negozi che ci sono in Italia, tant’è che Stefano ad un certo punto profeticamente ha detto:”sembra di stare a Roma3!!”.

L’unico posto davvero degno di nota di tutta la città è il centro aerospaziale della NASA, poco fuori Houston: si tratta del Centro di Controllo missione per tutti i voli spaziali con equipaggio umano, oltre che centro di ricerca e preparazione per il volo spaziale umano. È un posto davvero suggestivo ed affascinante, ed effettivamente stare lì ti fa capire la grandezza di questa nazione, e ti fa capire il perché siano cosi orgogliosi di essere americani.

Forse il posto più bello dello space center è stato il centro di controllo, la stanza dei bottoni, che fino al 1992 è rimasta in vigore. Entrandoci mi è sembrato di rivivere alcune scene del film Apollo 13.

IMG_9992

la sala di controllo della NASA

IMG-20130415-WA0005

IMG_9993Un’altra esperienza bellissima è stata vedere da vicino il Saturno V, un immenso razzo multistadio di 110 metri, usato dalla NASA nei programmi Apollo e Skylab. E’ davvero immenso, e tu ti senti piiiiccolo piiiiccolo!

Parlando invece della città vera a propria, la cosa che davvero mi ha lasciata stupita è il fatto che non esiste possibilità alcuno di fare una passeggiata: niet, nein , nada!!!
se vuoi farti due passi a piedi, l’unico modo è andare (in auto) in un centro commerciale e poi camminare tra i negozi. E se invece vuoi fare due passi all’aperto? bhè, non hai molte speranze allora… le strade sono enormi, a due o più carreggiate per senso di marcia, ed è davvero impossibile attraversare la strada! ci è capitato addirittura di dover prendere il taxi per andare al ristorante dall’altra parte della strada, a soli 200 metri dall’hotel… era impossibile attraversare a piedi!
Se vi capiterà mai di andare a Houston per lavoro, dedicate un’intera giornata a questo centro spaziale, perchè a mio parere ne vale davvero la pena.

comunque se vi capita di andarci per lavoro, è un’esperienza comunque da fare, in modo da riassaporare gli hamburger giganti, lo street food, le bistecche enormi, ed i cowboy in giro per le hall dell’hotel.

un’ultima piccola menzione va al motivo della mia visita a Houston: la fiera LNG17, dove noi avevamo uno stand: guardate che bello!!!!

IMG-20130416-WA0003

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.