La SuperMostra di Esselunga: 60 anni nella storia della spesa italiana

Esselunga celebra i suoi 60 anni con una mostra in cui ripercorre la sua storia, e quella del modo di fare la spesa degli italiani dal 1957 ad oggi. Da non perdere se siete a Milano

Esselunga, per noi che abitiamo a Milano, è un’istituzione, è come una seconda mamma.

Aprì proprio qui a Milano, in via Regina Giovanna, 60 anni fa, il 27 novembre del 1957 il primo supermercato italiano, per volere del proprietario Bernardo Caprotti, manager di lunghe vedute che portò per la prima volta in Italia l’idea del supermercato dove concentrare tutta la spesa per la casa: 1.500 articoli tutti in un unico grande negozio.

Dopo 60 anni, Esselunga celebra il primo supermercato italiano aperto con una mostra spettacolo a Milano, visitabile fino al 6 gennaio e che consiglio a tutti di non perdere!

Questa mostra racconta in modo leggero e divertente le tappe storiche più importanti di Esselunga insieme a tutto quello che intorno ad essa succedeva: la musica, il cibo, il design, la casa, la spesa.

Superato l’ingresso in cui si trovano tre casse con addette vestite con le divise dell’epoca, carrelli e cestelli da usare come porta-abiti, il viaggio incomincia con un filmato che catapulta il visitatore nell’Italia di fine anni ’50, facendogli vivere l’atmosfera dell’apertura del del primo negozio Esselunga, in Viale Regina Giovanna a Milano, con la sorpresa di trovare davanti ai propri occhi un assortimento tanto ricco di prodotti (il videomapping proietta la ricostrizuione della facciata del primo store Esselunga e poi la magia dell’offerta di prodotti di quel giorno, ricreata grazie a prodotti originali dell’epoca).

L’ingresso alla mostra

L’emozione prosegue negli ambienti successivi con gli oggetti che hanno caratterizzato le varie epoche, un sottofondo musicale che riporta indietro negli anni ed elementi spettacolari che non mancheranno di stupire grandi e piccini.

Si entra magicamente in un ambiente Anni ’60/’70 dove vengono illustrate le origini del saper fare di Esselunga, i primi prodotti, il sistema di distribuzione e la rete della qualità.

Al centro della sala rimango estasiata dalla “wunderkammer”, un’installazione che racconta  l’Italia di quell’epoca attraverso una collezione di oggetti e immagini originali – concessi da musei e fondazioni italiani – che chiunque avrebbe potuto avere sotto gli occhi e a portata di mano nella propria quotidianità.

Sempre in questa sala rimango estasiata dallo Zootropio, un dispositivo ottico che permetterà di vedere come si preparano le lasagne Esselunga, bellissimo!

la wunderkammer degli anni 60-70

la wunderkammer degli anni ’60

Proseguendo nella sala successiva si viene immersi negli anni ’80,  gli anni in cui prendono avvio le collaborazioni con i grandi architetti per la realizzazione dei negozi: Ignazio Gardella, Luigi Caccia Dominioni, Vico Magistretti, Mario Botta, Fabio Nonis.
Anche qui è presente la “wunderkammer” relativa agli Anni 80.

la wunderkammer degli anni ’80

Andando avanti poi si arriva nella sala per me forse più interessante di tutte,  quella dedicata alle campagne di comunicazione di Esselunga: si racconta l’evoluzione del logo Esselunga dagli esordi ad oggi, e sono presenti tutte le campagne di Armando Testa:: dalle similitudini di “Da noi la qualità è qualcosa di speciale” ai personaggi riconoscibili di “Famosi per la qualità”, tra i quali “John Lemon”, “Aglio e Olio”, “Mago Melino”, “Bufala Bill”.

L’evoluzione del marchio – da Super market ad Esselunga

La bellissima campagna pubblicitaria di Armando Testa per Esselunga

La sala successiva, che rappresenta gli anni ’90, presenta la nascita della Carta Fidaty (introdotta nel 1995): al centro della sala troneggia una poltrona gigante a forma di fragola, e tutto intorno i principali premi che si potevano avere con le raccolte punti (ovviamente una parete intera è dedicata unicamente ai famosi Rollinz di Star Wars).

La poltrona-fragola, simbolo della Fidaty Esselunga!

La mostra poi prosegue in una stanza piena di specchi in cui una videoproiezione permette di immedesimarsi completamente nella filiera produttiva e assistere, attraverso immagini caleidoscopiche a ritmo di musica, alla nascita di alcuni prodotti di eccellenza Esselunga: pasta fresca, dolci, sushi e altro ancora.

Che dire di questa mostra? Un viaggio nella storia dell’Italia, di Esselunga e delle abitudini di noi fidelizzati clienti. Assolutamente da vedere

INFORMAZIONI UTILI:

La mostra, ad ingresso gratuito, è aperta fino al 6 gennaio 2018 al The Mall – Piazza Lina Bo Bardi, 1 Milano.

Orari di apertura al pubblico: tutti i giorni dalle 10 alle 20, il venerdì apertura prolungata fino alle 22.

Il 24 e il 31 dicembre l’orario sarà dalle 10 alle 15. Giorni di chiusura: 25 dicembre e 1° gennaio.

 

  1. Rossella says:

    Mi sarebbe piaciuto andarci, ma nn potevo farlo per motivi familiari. Aver letto questa descrizione, mi fa venere una gran rabbia per non aver visitato questa mostra. Che nervi!

    • ciao rossella! la mostra meritava davvero di essere vista, peccato che non sei riuscita ad andarci! però ora è in mostra a Firenze fino al 21 aprile, magari è un’ottima scusa per fare un week end fuoriporta nel capoluogo toscano! 🙂
      ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.